Conciliare Mediando s.r.l. | Home

 
 Cos'è la mediazione
In sintesi
La mediazione è l'attività svolta da un soggetto terzo, neutrale rispetto alle parti e che mai potrà intervenire in sede contenziosa.
Il mediatore non dovrà rispettare il principio di corrispondenza tra il chiesto ed il pronunciato, infatti le parti potranno trovare un accordo, anche coinvolgendo interessi inizialmente non evidenziati, ma emersi negli incontri tenuti congiuntamente o separatamente.
Il mediatore dovrà trarre gli elementi utili per facilitare un accordo spontaneo e che sia soddisfacente per le parti e, comunque, cercare di acquisire quelle informazioni che saranno, poi, necessarie per predisporre un'eventuale proposta di accordo che sia equilibrata, si da indurre le parti ad accettarla, ponendo fine al conflitto.
 
 Quali vantaggi
Scopri i vantaggi di mediare
La decisione di avviare una procedura di Mediazione offre notevoli vantaggi:

Celerità
Economicità
Esenzioni
Agevolazioni imposta di registro
Credito d'imposta
Efficacia
Riservatezza della procedura
Coinvolgimento diretto delle parti

Approfondisci i vantaggi e ciò che riguarda la mediazione
 
 Aggiornamenti ed eventi
Le ultime notizie relative alla mediazione
Se il giudice in corso di causa ordina la mediazione, il procedimento dovrà svolgersi con la presenza personale delle parti e non potrà esaurirsi con la semplice informativa, ma dovrà tentarsi effettivamente la mediazione. Tribunale di Firenze ordinanza del 19 marzo 2014


Deve escludersi che, in linea di principio, l'eventuale sospensione del giudizio pendente possa determinare la sospensione del procedimento di mediazione eventualmente disposto nel corso di esso, dal momento che il procedimento di mediazione, pur inserendosi nel giudizio, conserva una sua propria autonomia, ricollegabile alla sua finalità conciliativa, e non sembra pertanto risentire delle sorti del processo. Tribunale di Verona, ordinanza 27.01.2014 n 76872
 
 A chi proporre l'istanza
Criteri territoriali
Il d.lgs. n. 28/2010 come modificato dalla L. n. 98 del 2013 introduce un criterio di competenza territoriale per il deposito della domanda di mediazione, stabilendo che "deve essere presentata presso un organismo nel luogo del giudice territorialmente competente per la controversia"
Precisando che, nel caso di più istanze di mediazione relative al medesimo oggetto la mediazione, adottandosi un criterio oggettivo, si svolgerà davanti all'organismo presso il quale e' stata presentata la prima domanda.
Al fine di determinare il tempo della domanda occorre fare riferimento alla data del deposito dell'istanza (art. 4, comma 1 d.lgs. n. 28/2010)
Via Nazario Sauro, 15 | 88046 Lamezia Terme (CZ) | Tel - Fax +39 0968 442990 | P. IVA 03172080792